<% codice=request("codice") if len(codice)<=0 then codice=0 end if controlloProv=request("ControlloProv") %>
Chi Siamo

Spazio Junior - Attività didattiche
 
<% if codice=0 then %> <% else Set Conn = Server.CreateObject("ADODB.Connection") Conn.Open ConnectString sqlVD="SELECT COUNT (*) AS contVD FROM province WHERE idregione="& codice &"" Set rsVD = Conn.Execute(sqlVD) contVD=rsVD("contVD") rsVD.Close if contVD<>0 then %> <% else %> <% end if Conn.Close end if %>
 
Cerca per regione
<% if controlloProv<>1 then %>

Convegno: "IL RUOLO DELL'ARTIGIANATO
per la valorizzazione
dei Beni Culturali in Italia"

Roma, 19 maggio 2004

L'artigianato protagonista di un'alleanza pubblico-privato per difendere e valorizzare il made in Italy

Firmata la Convenzione
tra il Ministero per i Beni Culturali e Confartigianato

 

 

Clicca per ingrandire l'immagine
Luciano Petracchi
(Presidente Confartigianato)
Giulinao Urbani
(Ministro per i Beni e le Attività Culturali)
Clicca per ingrandire l'immagine
Mario Ciaccia
(Presidente AR.CU.S.)
Luciano Petracchi
(Presidente Confartigianato)
Clicca per ingrandire l'immagine
da sinistra:
Giuseppe Sbalchiero
Mario Ciaccia
Luciano Petracchi
Giuliano Urbani
Guido Bolaffi
Clicca per ingrandire l'immagine
da sinistra:
Giuseppe Sbalchiero
Alessandro Ricceri
Tullio Uez
Filippo Spanu
Giorgio Russomanno

 

Scarica la documentazione del Convegno:
L'artigianato diventa protagonista di un'alleanza pubblico-privato per difendere e valorizzare il nostro patrimonio artistico e culturale.
Questo il significato della Convenzione firmata oggi a Roma dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali Giuliano Urbani e dal Presidente di Confartigianato Luciano Petracchi.
L'iniziativa di collaborazione è stata presentata nel corso del Convegno organizzato da Confartigianato "Il ruolo dell'artigianato per la valorizzazione dei beni culturali".
In base alla Convenzione, attività artigiane, come ad esempio quelle di restauro, saranno valorizzate per tutelare il nostro patrimonio culturale. Contemporaneamente l'artigianato artistico e tradizionale sarà oggetto di attività di promozione.
Tra gli obiettivi indicati nella Convenzione: - promozione dei beni e delle attività culturali con programmi di comunicazione e scambio di conoscenze tra il Ministero e Confartigianato; - conservazione e diffusione di particolari abilità manuali, tecniche antiche e tradizionali, professionalità e mestieri artigiani; - formazione di risorse umane, soprattutto giovani e studenti, nelle professioni artistiche e nei mestieri artigiani; - creazione di un sistema organizzato per la produzione e la vendita di oggetti e di riproduzioni d'arte per lo sviluppo dell'artigianato artistico di qualità.
Per realizzare questi obiettivi il Ministero e Confartigianato si attiveranno promuovendo corsi di formazione anche attraverso il coinvolgimento delle Regioni, degli enti locali e di soggetti pubblici e privati. A questo proposito, Confartigianato offrirà la disponibilità di strutture già avviate quali, ad esempio, la Scuola del Restauro di Thiene (Vicenza), il Centro del Restauro 'Restante' di Alvisopoli (Venezia), l'Accademia dell'Artigianato di Este (Padova).
Inoltre, la Convenzione prevede che, per diffondere la conoscenza dei beni culturali, siano utilizzate le reti telematiche. In tal senso, Confartigianato renderà utilizzabile la rete dei Musei dell'Artigianato già visibile all'indirizzo www.musei.confartigianato.it
Per sviluppare il merchandising di oggetti dell'artigianato artistico, con modalità che ne garantiscano autenticità e qualità, saranno prese a riferimento le esperienze realizzate da Confartigianato con Artex (Centro per l'artigianato artistico e tradizionale della Toscana) e con Regalitalia (Vetrina web delle eccellenze dell'artigianato artistico). La diffusione di buone prassi della pubblica amministrazione e degli operatori economici prenderà ad esempio l'iniziativa avviata da Confartigianato Sardegna per offrire circuiti turistici individuati d'intesa con Comuni, Musei e istituzioni culturali.
Per realizzare le iniziative indicate nella Convenzione, il Ministero potrà utilizzare, oltre alle proprie strutture centrali e periferiche, anche AR.CU.S. S.p.A, la società del Ministero per i Beni Culturali per lo sviluppo dell'arte, della cultura e dello spettacolo.
<% End If %>
 
Visita il sito del Ministero per i Beni Culturali Visita il sito della Confartigianato Home page Home page Info